METEO
BORSA
23/05/2024 08:12
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Meloni: «Banche, tassati i margini ingiusti»

Nel suo appuntamento social "Gli appunti di Giorgia", la presidente del Consiglio spiega le ultime decisioni del governo: «Risorse a famiglie e imprese. Salario minimo rischia di peggiorare le retribuzioni»

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni, nel suo appuntamento social "Gli appunti di Giorgia", ha illustrato le recenti decisioni prese dal governo, concentrandosi inizialmente sul settore bancario. Meloni ha evidenziato che una delle misure più significative adottate riguarda la tassazione dei margini ingiusti delle banche. Le risorse generate da questa tassazione saranno destinate a sostenere famiglie e imprese che stanno affrontando difficoltà a causa dei costi elevati del denaro.

La presidente ha sottolineato l'incremento dei tassi passivi applicati dalle banche ai loro clienti, che dovrebbe corrispondere a un aumento dei tassi attivi per i depositanti. Tuttavia, Meloni ha osservato che questo equilibrio non è stato sempre rispettato, portando a profitti eccezionali per diverse istituzioni finanziarie. Di conseguenza, il governo ha deciso di intervenire tramite un meccanismo fiscale. È stata introdotta una tassazione del 40% sulla differenza ingiusta tra gli interessi passivi e attivi delle banche, al fine di colpire solo i margini ritenuti ingiusti, non quelli legittimi.

La presidente Meloni ha confermato l'impegno del governo verso il Reddito di cittadinanza, ma ha chiarito che l'obiettivo è una transizione verso il Reddito di occupazione, legato all'impiego. Ha notato che le previsioni sugli eventuali beneficiari che avrebbero perso il reddito erano di 300.000 persone, ma la perdita effettiva è stata di 112.000, il che suggerisce che molti hanno già iniziato a cercare lavoro.

Rispondendo a critiche sulla revoca del reddito di cittadinanza, Meloni ha ribadito che questa decisione era stata prevista e discussa all'interno del programma del centrodestra e inclusa nella legge di bilancio approvata a dicembre, quindi non è stata una mossa improvvisa.

La presidente ha poi discusso della proposta di un salario minimo. Ha spiegato le sue riserve riguardo a un salario minimo imposto per legge, sottolineando che potrebbe potenzialmente interferire con le retribuzioni contrattuali esistenti. Tuttavia, si è dichiarata aperta a dialogare con le opposizioni per trovare un'approccio serio riguardo ai salari bassi.

Infine, Meloni ha elogiato i risultati ottenuti in merito ai finanziamenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), sottolineando che l'Italia beneficerà di 35 miliardi di euro nel 2023. Ha respinto le critiche che suggerivano la possibile perdita di questi fondi, affermando che gli sforzi italiani sono stati riconosciuti e che il governo continuerà a perseguire il successo.
09-08-2023


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy