METEO
BORSA
24/07/2024 10:35
SPETTACOLO
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
Cinema, addio all'attrice Antonella Lualdi

Aveva 92 anni. Era ricoverata in un ospedale fuori Roma. Popolarissima negli anni '50 e '60, aveva sposato il collega Franco Interlenghi. E' stata diretta da Scola, Gassman e altri

Si è spenta Antonella Lualdi, luminosa icona del cinema italiano, all'età di 92 anni. L'attrice, simbolo degli anni '50 e '60, ci ha lasciato dopo un periodo di ricovero in un ospedale fuori Roma. La sua carriera è stata segnata da un'intensa collaborazione sia sullo schermo che nella vita con il collega Franco Interlenghi, con cui ha condiviso esperienze professionali e personali. 

Il debutto di Lualdi nel mondo del cinema risale a Miracolo a Viggiù, un film di Luigi Giachino che l'aveva proiettata nell'immaginario collettivo dell'Italia del dopoguerra. La sua carriera si è poi arricchita con ruoli di grande rilievo, lavorando con maestri come Ettore Scola e con attori del calibro di Vittorio Gassman e Marcello Mastroianni. Uno dei momenti più memorabili della sua filmografia è stato il suo ruolo in "Cronache di poveri amanti", diretto da Carlo Lizzani e tratto dal romanzo di Pratolini. Il film ha visto la sua partecipazione accanto a Marcello Mastroianni, Gabriele Tinti e Anna Maria Ferrero, culminando in una selezione al Festival di Cannes nel 1954.

Lualdi ha dimostrato una versatilità straordinaria attraverso la sua carriera, spaziando da commedie come "Il più comico spettacolo del mondo" (1953) di Mario Mattoli, a opere più profonde come "Gli innamorati" (1955) di Mauro Bolognini e "Padri e figli" (1957) di Mario Monicelli. Oltre alla sua abilità come attrice, Lualdi ha rivelato un lato musicale incidendo il singolo "Il sogno", con arrangiamenti curati da Stelvio Cipriani. Anche dopo gli anni d'oro del cinema italiano, ha continuato a lavorare con impegno, apparendo in produzioni televisive come la serie francese "Il commissario Cordier" negli anni '90 e fino al 2007.

La sua ultima interpretazione cinematografica è stata nel film "La bella società", diretto da Gian Paolo Cugno nel 2009. Nel 2018, ha condiviso con il pubblico la sua affascinante storia di vita attraverso l'autobiografia intitolata "Io Antonella, amata da Franco", che offre uno sguardo intimo sulla sua straordinaria carriera e il suo rapporto speciale con Franco Interlenghi.
10-08-2023


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy