METEO
BORSA
16/06/2024 19:59
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Meloni: «Stiamo facendo del nostro meglio»

Così la premier a Lampedusa, dove ha accolto la presidente della Commissione Ue von der Leyen. «L'unica soluzione è fermare le partenze illegali, tutta la Ue rischia»

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sono state accolte all'aeroporto internazionale di Lampedusa dal presidente della Regione Sicilia Renato Schifani e dal prefetto di Agrigento Filippo Romano. Durante la visita sull'isola, partecipano anche il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi e il commissario europeo agli Affari interni Ylva Johansson. Attualmente, presso l'Hotspot di Lampedusa, si trovano 2.120 migranti, con trasferimenti previsti per 890 persone.

Al molo di Favaloro di Lampedusa, Meloni e von der Leyen hanno osservato le numerose imbarcazioni che sono arrivate nelle ultime settimane, comunemente chiamate il "cimitero dei barchini". Il vice-sindaco di Lampedusa, Attilio Lucia, ha informato le autorità sulla situazione del molo, poiché il sindaco Filippo Mannino era impegnato presso l'ONU a New York.

«Come sempre io ci metto la faccia» ha detto la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni. «Se qualcuno pensasse che di fronte alla crisi globale in atto la questione si potesse chiudere così prenderebbe un abbaglio. Siamo a una portata tale di flussi che se non lavoriamo tutti insieme saranno investiti prima gli stati di frontiera e poi tutti gli altri. È un problema che coinvolge tutti e da tutti va affrontato e la presenza della von der Leyen è un segnale di consapevolezza» ha aggiunto la premier da Lampedusa. «Continuo a dire che di fronte ai flussi non risolveremo mai il problema parlando di redistribuzione. L'unico modo di affrontare seriamente il problema è fermare le partenze illegali. Questo è quello che ci chiedono i cittadini ma anche i rifugiati».

«Come avete visto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha immediatamente accettato l'invito a venire qui per rendersi conto della situazione a Lampedusa. Non lo considero tanto un gesto di solidarietà verso l'Italia ma un gesto di responsabilità dell'Europa verso se stessa perché i confini dell'Italia sono i confini dell'Europa» rimarca poi Meloni, dopo la visita a Lampedusa con la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. Durante il percorso dall'aeroporto all'hotspot, un gruppo di cittadini di Lampedusa ha bloccato la strada e richiesto un colloquio con le autorità. Meloni ha cercato di rassicurarli, affermando che affrontano la situazione con impegno. Dopo un momento di tensione e un colloquio, i cittadini hanno sgomberato la strada.

La presidente del Consiglio ha sottolineato l'importanza della cooperazione europea nel trattare la crisi migratoria e ha ribadito la necessità di affrontare il problema delle partenze illegali per risolvere la questione in modo efficace. La visita di von der Leyen è stata vista come un segnale di responsabilità dell'Europa verso se stessa, considerando che i confini dell'Italia sono anche i confini dell'Europa.
17-09-2023

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy