METEO
BORSA
24/07/2024 10:26
Zalando
SPORT
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
Atp di Montecarlo, Sinner si arrende a Tsitsipas in semifinale

L'azzurro, che resta n. 2 del mondo, battuto ancora sulla terra dal greco: punteggio di 6-4, 3-6, 6-4. Jannik avanti 3-1 (e poi 4-2) nel terzo, ma un errore arbitrale e un problema muscolare lo fermano

Peccato. A Montecarlo, sulla non amata terra rossa, Jannik Sinner cede al terzo set dopo aver raddrizzato una partita iniziata male. L'azzurro perde infatti il primo set 6-4 ma nel secondo si aggrappa al suo talento e alla voglia di non perdere, strappa il servizio al greco e chiude 6-3. Nel terzo set prima un clamoroso errore arbitrale sul 3-1 (seconda di servizio di Tsitsipas fuori che dava a Sinner il doppio break), poi un problema muscolare per l'insorgere dei crampi, costringono l'azzurro alla resa per 6-4.

Ma lo sport è anche questo, errori non tuoi e problemi sorti nei momenti cruciali, e il primo a saperlo è proprio Jannik che commenta: “Palla fuori e doppio break? Sì, ma non è il mio ruolo quello di giudicare la palla buona o fuori. In un momento così penso solo a giocare. So che era fuori di tanto, ma ognuno fa degli errori e vanno accettati. Chiaramente adesso fa male perché l'episodio è caldo, ma è andata così. Quanto successo dopo forse è una conseguenza di quel momento. Ho avuto dei crampi per il nervosismo, ma bisogna accettare il verdetto del campo”. Quindi aggiunge: “Non si può fare nulla adesso, questa partita è già il passato. Resta duro da accettare, perché stavo giocando un gran tennis. Io faccio errori, li fanno anche gli arbitri: non è mai facile perché dopo momenti come questi le partite possono cambiare”.

Sul fisioterapista in campo nel momento in cui la partita stava girando a suo favore non si preoccupa: “Ho giocato tante partite negli ultimi mesi, pue qui un’altra semifinale in un 1000, ho bisogno di un po’ di tempo per recuperare mentalmente e fisicamente. Madrid sarà un torneo di totale preparazione per Roma e Parigi, e lavoreremo molto in palestra. Mi andrebbe bene vincere un paio di turni, ma non avrò l'ambizione per andare a vincere quel torneo. Da Roma cambierà tutto e si cercherà di ricavare il massimo”.
13-04-2024


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy