METEO
BORSA
24/11/2017 17:40
Enel
Zalando
SPORT
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Italia fuori dal Mondiale: con la Svezia è 0-0

La squadra di Ventura non riesce a ribaltare la sconfitta di Stoccolma. Era dal 1958 che non veniva fallita la fase finale. Azzurri in lacrime a fine gara

Gli Azzurri costretti ad affrontare l'incubo peggiore: vedere i Mondiali di Russia 2018 dal divano di casa. L'Italia, che ha chiuso la gara con la Svezia con uno scialbo 0-0, non si è qualificata infatti per la Coppa del mondo per la seconda volta nella sua storia (l'ultima volta era successo nel 1958).

La squadra di Ventura non è riuscita dunque a segnare un gol a una Svezia povera ma orgogliosa nella piano della resistenza. Una notte nerissima per il calcio nazionale, chiusa con i giocatori azzurri in lacrime, da Belotti a Gabbiadini e Bonucci, sul terreno di San Siro, dove si è appena conclusa la partita di ritorno dei Play-off di qualificazione. «Non mi sono dimesso perchè non ho parlato col presidente: le considerazioni sono tante, devo parlare con la Federcalcio». Così il ct Gian Piero Ventura, dopo il disastro. «Sono arrivato in ritardo perchè con ogni giocatore col quale ho avuto il privilegio di avere un rapporto ho voluto salutarli, a uno a uno» ha detto il ct parlando alla stampa. «La responsabilità è dell'allenatore, è persino banale dirlo: è un risultato pesantissimo perchè ero convinto di farcela. Sono orgoglioso di aver fatto parte del gruppo azzurro, di aver lavorato con grandi campioni e con altri che mi auguro lo diventino». «Sono dispiaciuto - ha aggiunto Ventura - perchè lo stadio stasera per l'ennesima volta ho capito cosa vuole dire allenare la Nazionale, qualcosa di eccezionale. Ringrazio il pubblico, il fatto che avremmo meritato». «Mi sento di chiedere scusa agli italiani, per il risultato, non per l'impegno. Ma so che conta il risultato. Non dite che non è nato il feeling tattico con la squadra, la partita di stasera dimostra il contrario. Ci sarebbero tante cose da dire, ma so che stasera conta il risultato».
14-11-2017

Linear
ARTICOLI CORRELATI
«Mi scuso. Colpa dello sciacallaggio politico»
 
 
 
 
 

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy