METEO
BORSA
04/12/2022 23:40
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Gb, Carlo III proclamato ufficialmente Re

"God save the King" il saluto in diretta tv dal St. James’s Palace, residenza reale nel complesso di Buckingham Palace. «Travolti dall'affetto, seguirò l'esempio di mia madre»

A due giorni dalla morte di Elisabetta II, al St. James’s Palace, residenza reale nel complesso di Buckingham Palace, l’Accession Council ha formalizzato la proclamazione di Carlo III quale nuovo re del Regno Unito. La dichiarazione è stata letta dal cancelliere dell’Accession Council. Presenti, tra gli altri, gli ex premier britannici David Cameron, Theresa May e Boris Johnson.

«God save the King» è la frase con cui si è conclusa la proclamazione sottoscritta, tra gli altri, dalla prima ministra Liz Truss, dal principe William, dalla regina consorte Camilla e dall’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby. La proclamazione è stata preceduta da una dichiarazione letta dalla lord president del Privy Council, Penny Mordaunt, in una cerimonia trasmessa per la prima volta in diretta tv. «Mia madre ha dato un esempio di amore e servizio per tutta la vita. Il regno di mia madre non ha pari per durata, dedizione e devozione... Sono profondamente consapevole della profonda eredità e dei grandi doveri e responsabilità che ora passano a me»​, ha detto il nuovo sovrano dopo essere stato proclamato formalmente re. «Per me la più grande consolazione» davanti alla scomparsa della Regina Elisabetta è «sapere dell'affetto travolgente espresso da così tante persone a mia sorella e ai miei fratelli».

Carlo III ha ribadito l'omaggio a suo madre, il cui regno ha definito «senza pari per durata e devozione al servizio», promettendo di nuovo a sua volta di servire con lealtà - e seguendo «i consigli del Parlamento», da monarca costituzionale - il Paese, i territori della corona e i reami del Commonwealth. Ha inoltre promesso trasparenza sui conti di corte. Omaggio anche alla moglie Camilla durante l'intervento che ha fatto seguito alla sua proclamazione ufficiale a re. «In tutto questo sono profondamente incoraggiato dal sostegno costante della mia amata moglie», ha dichiarato il nuovo sovrano, aggiungendo di voler dedicare «il resto della mia vita» a «portare a termine il pesante compito che mi è stato affidato».


Venerdì, bagno di folla davanti a Buckingham Palace, dove Carlo e la consorte Camilla sono arrivati a bordo di una Rolls-Royce d’epoca, appena sbarcati dal volo che li aveva riportati a Londra da Balmoral, in Scozia. Il nuovo re è sceso dalla macchina e si è avviato verso una folla di migliaia di persone che premeva contro le barriere e scandiva «God save the King», accogliendo l’abbraccio dei sudditi e sfilando per 15 minuti a salutare, stringendo le mani quasi una a una. Non ha fatto una piega neppure quando una donna lo ha abbracciato e gli ha stampato un bacio sulla guancia. Poi dalla folla si è levato, spontaneamente, il canto dell’inno nazionale. Accompagnato da Camilla, che fino a quel momento si era tenuta in disparte, Carlo è poi entrato a Buckingham Palace dove ha ricevuto per la prima udienza Liz Truss, la nuova premier anche lei in carica solo da qualche giorno.

Infine, il primo discorso di Carlo III, registrato qualche ora prima e trasmesso alle 6 di sera, all’inizio di un servizio religioso che si è svolto nella cattedrale di St Paul. Un discorso tenuto nel solco di Elisabetta: il nuovo re Carlo, rivolgendosi per la prima volta ai sudditi, ha fermamente indicato che condurrà la monarchia nella direzione tracciata da sua madre, che ha saputo coniugare «amore costante per la tradizione e accoglienza senza paura del progresso». «Dovunque voi possiate vivere nel Regno Unito, o nei regni e territori nel mondo, e qualunque siano il vostro retroterra e il vostro credo, prometto di servirvi con lealtà, rispetto e amore», ha detto il nuovo sovrano, che ha anche tributo alla regina defunta e alla madre scomparsa parole di amore, dicendo che la sua è stata «una vita ben vissuta, una promessa col destino mantenuta». «La sua dedizione e devozione come sovrana non ha mai vacillato, attraverso momenti di cambiamento e progresso, di gioia e celebrazione, di tristezza e perdita». La parte finale del discorso è stata dedicata ai familiari e al ruolo che svolgeranno. In primo luogo Camilla, «in riconoscimento del suo leale servizio pubblico». Mentre una sorpresa è stata la nomina immediata del figlio William a principe di Galles: il titolo non è automatico e si riteneva che sarebbe passato un po' di tempo prima dell’ufficializzazione. Un segnale che il nuovo re vuole il figlio al suo fianco fin dal primo momento. Ma c'è una menzione anche per Harry e Meghan, verso i quali il sovrano ha espresso il suo «amore», ma ha aggiunto che «continuano a costruire la loro vita oltremare». «Cara Mamma» è stata la chiusura, ringraziando un’ultima volta per «l’amore e la devozione alla nostra famiglia e alla famiglia di nazioni che hai servito così diligentemente tutti questi anni». «Possano schiere di angeli accompagnarti col canto al tuo riposo», ha detto, citando Shakespeare.
10-09-2022

ARTICOLI CORRELATI
Inghilterra, è morta la Regina Elisabetta
La morte di Elisabetta, domani Carlo sarà Re
 
 
 
 

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy